Due novità utili per i maniaci della privacy (ed un’idea di business)

Mark Cuban (noto imprenditore Usa, tra le altre cose proprietario della squadra di basket Nba dei Dallas Mavericks) in una recente intervista, ha individuato nella crescente richiesta di privacy una delle aree sulle quali fare business nei prossimi anni.
In effetti molte cose si stanno muovendo, basta vedere l’esempio di Facebook che rivolge sempre più attenzione alla privacy dei propri utenti (quantomeno adesso è possibile modificare alcune importanti impostazioni…).

  • DuckDuckGo, “il motore di ricerca che non ti traccia” è all’undicesimo posto tra i search engines più utilizzati, con circa 13 milioni di utenti unici mensili (secondo la ricerca “Top 15 Most Popular Search Engines“) . Tra l’altri ti consiglio di provare ad usarlo per le tue ricerche perché offre risultati diversi rispetto agli altri motori e la grafica è stimolante.
  • Lo stesso Mark Cuban ha ideato CyberDust, una app per scambiarsi messaggi, foto, ecc..in ambiente “protetto”: i contenuti trasmessi scompaiono dopo 24 secondi dai dispositivi sia del mittente che del destinatario ed i dati non sono memorizzati, nemmeno sui server di Cyberdust. È inoltre disponibile una funzione che notifica se qualcuno fa uno screenshot sul suo dispositivo. Lo slogan è “Every spoken word isn’t recorded. Why should your texts be?Qui puoi vedere un breve video che spiega come funziona Cyberdust
Per ogni trend c’è sempre un “countertrend“: di fronte all’esplosione dei social ed a sistemi ed applicazioni web sempre più invasivi (per “offrire una migliore esperienza all’utente” dicono loro), cresce la domanda di privacy ed il desiderio o la necessità di cancellare le proprie tracce da Internet. Le opportunità di business sono tutte da scoprire e sviluppare.
Nel frattempo, se tieni alla tua privacy, non puoi fare a meno di provare queste due novità.
Le hai già provate? Fammi sapere cosa ne pensi, lasciando un commento!
Alla prossima…
Condividere fa bene alla mente!
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+
Pin on Pinterest
Pinterest
Tags:
One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *