I 3 preferiti della settimana – #4

 i preferiti della settimanaRubrica settimanale dedicata a 3 cose interessanti che ho scoperto leggendo, ascoltando e pensando qua e là…

freccia dx verdeUn video youtube può costare 180 milioni di dollari ad una grande azienda. È il valore perso dalle azioni della compagnia aerea United Airlines dopo che è stato pubblicato il video dello sconosciuto Dave Carrol. È accaduto nel 2009, ma ho scoperto la storia nei giorni scorsi. Tutto nasce quando il musicista Dave Carrol scopre che durante un viaggio a bordo di un volo United, la sua chitarra è stata danneggiata. Inutili le richieste di risarcimento avanzate agli addetti della compagnia. Così Dave scrive una canzone sulla vicenda e pubblica un video su Youtube, che raccoglie fin da subito milioni di visite e suscita clamore sui vari media, tanto che in 4 settimane le azioni della compagnia perdono il 10% del loro valore. Il video conta oggi oltre 15 milioni di visualizzazioni ed il clamoroso successo, oltre alla pubblica umiliazione per la United, ha segnato una svolta nella vita di Dave che ha scritto un libro sulla vicenda ed è diventato speaker specializzato nel customer service. Per la United sarebbe stato meno doloroso liquidare il danno e chiuderla subito..ed invece…la rete non perdona. Guarda il video della canzone (nel tipico stile country).

freccia dx verdeNon sapevo che Larry Page e Sergey Brin avevano tentato di vendere il loro business per un milione di $ a Yahoo, ricevendo un rifiuto😥😥. Poco lungimiranti (entrambi)…

freccia dx verdeUn metodo semplice per definire le priorità? Metti le prime cose al primo posto (“Put first things first”). Le prime cose da fare sono 1. Quelle azioni che ti avvicinano al raggiungimento dei tuoi obiettivi 2. Quelle che sono coerenti con i tuoi valori e che ti fanno sentire bene. Semplice, no?

Il prossimo appuntamento con “I 3 preferiti della settimana” è per Lunedì 23 maggio…rimani aggiornato inserendo la tua email nel box a destra della pagina!

Condividere fa bene alla mente!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Pin on Pinterest

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *