Il futuro è migliore di quanto pensi…

Ne ero convinto ed adesso lo sono ancora di più, leggendo gli studi di Peter Diamandis, ingegnere, fisico ed imprenditore decisamente “avanti”.

Ho scoperto l’autore ascoltando su Blinkist il riassunto del suo più noto libro “Abundance“(il link è alla versione italiana), nel quale Diamandis dimostra, attraverso numerosi esempi, come il mondo sia migliore di quanto noi lo percepiamo e soprattutto sarà migliore di come lo immaginiamo, grazie anche allo sviluppo delle tecnologie a crescita esponenziale. Queste letture sono un vero antidoto contro il pessimismo che i mainstream media tendono a diffondere…

L’autore sfida i luoghi comuni, le errate percezioni e le credenze più diffuse, pubblicando sul suo sito gli “Abundance data“, evidenze statistiche e numeriche a supporto della sua tesi di un mondo che non sta andando alla deriva.

Diversi esempi mi hanno colpito.

Il diffuso timore che il benessere abbia come conseguenza una crescita non sostenibile della popolazione mondiale, in realtà è smentito dai numeri che evidenziano come il migliorameno generale nelle condizioni di vita porti ad una diminuzione del tasso di natalità (vedi grafico) ; ad esempio in Marocco si è passati da una media di 7,8 figli per donna nel 1971 agli attuali 2,7.

http://www.diamandis.com/data

Così se ormai siamo stupiti quando nelle news non leggiamo di un nuovo omicidio o dell’ennesimo attentato, i dati rivelano che l’umanità è molto meno violenta di quanto siamo indotti a credere: il tasso di criminalità negli Stati Uniti, espresso in numero di vittime ogni 1.000 abitanti, era pari a 51.2 nel 1994 mentre oggi è pari a 15.

http://www.diamandis.com/data

Basterebbe cambiare mentalità, concentrarsi sulle opportunità e soprattutto smettere di seguire i media di massa..

Il negativity bias di cui soffriamo è causato anche da un limite della nostra mente, che non riesce a valutare correttamente il potenziale delle tecnologie, sottovalutandone i tassi di crescita e l’impatto. Ad esempio l’utilizzo dell’energia solare sta crescendo a ritmi impressionanti, più di quanto possiamo vedere osservando la realtà che circonda.

http://www.earth-policy.org/indicators/C47/solar_power_2013

E se il dubbio è sulla sostenibilità ed economicità del sistema, è sufficiente pensare che l’energia che il sole “produce” nella sola africa settentrionale è pari a 40 volte il fabbisogno dell’intera popolazione mondiale, mentre il progresso nelle tecnologie applicate alle celle solari sta riducendo a cifre inferiori all’unità il costo per Kw prodotto (vedi grafico) e le dimensioni dei pannelli.

http://www.diamandis.com/data

Il progresso tecnologico esponenziale sta manifestando i suoi effetti concreti e tangibili anche nella vita quotidiana di tutti noi e l’impatto è destinato a diventare sempre più dirompente. Ne è un esempio lo scenario che Diamandis disegna in un un suo recente articolo, di cui traduco un estratto:

“Immagino un prossimo futuro, nel quale un dispositivo dotato di Intelligenza Artificiale possa guidarmi all’interno di un supermercato verso il reparto e lo scaffale dove trovo esattamente il prodotto che sto cercando, e che poi, mentre lascio il negozio, il sistema provveda ad addebitarmi la spesa automaticamente, senza aspettare in coda e tirare fuori il portafogli…. Facendo un passo ancora avanti, immagino un futuro dove non andrò più in un negozio. Il mio frigorifero “sentirà” che sto terminando le scorte di latte o di uova, le ordinerà direttamente ed i prodotti saranno recapitati a casa da un veicolo senza pilota o da un drone. In questo scenario, tutto ciò che dovrò fare è ritirare i prodotti sull’ingresso di casa e sistemarli nel frigorifero”… – The first jobs to go – Peter Diamandis

Se pensi che tutto questo sia frutto della fantasia di un visionario, un po’ come le navicelle spaziali tanto di moda negli anni ’60 e ’70, ti consiglio di guardare questo breve video nel quale puoi vedere come già funziona un negozio senza code e cassieri, dove entri, prendi dagli scaffali ciò che ti serve ed esci, mentre il sistema automaticamente addebita la spesa sul tuo conto.

Se sei interessato al futuro, segui gli articoli dedicati all’argomento sul Club delle Idee.

Il Club delle Idee su Facebook: pagina ufficiale e gruppo

Condividere fa bene alla mente!
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Pin on Pinterest

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *