Lavoro Vs Vita?

lavorare viaggiandoCome giudico la validità di un lavoro o di un’attività?

I parametri sono due: soddisfazione economica e qualità della vita.

Uno dei due aspetti è necessario, meglio ancora entrambi, altrimenti è il momento di mollare.

Se rinunci alla qualità della vita (tempo da dedicare alle tue passioni, soddisfazione personale, gratificazione, ecc…) devi avere un vantaggio economico tale da giustificare il sacrificio. Lavori duro oggi, per conquistare (o per meglio dire “comprare”) la tua libertà domani.

Oppure scegli di fare ciò che ti piace, di seguire le tue passioni ed interessi, di essere artefice del tuo destino, di non avere un “capo” né orari da rispettare, di non dover chiedere a nessuno le “ferie” per fare un viaggio. Scegli la qualità della vita, il tuo benessere.

Ok, ma i soldi per vivere?

La sintesi perfetta, come sempre, è in un’attività che includa i due aspetti.

Un Lifestyle Business può essere il “giusto mezzo” per raggiungere l’equilibrio.

Crei un’attività, un sistema che generi guadagni tali da permetterti di vivere la vita che vuoi (“a better work/life balance“).

Il top dei risultati però lo raggiungi se guadagni facendo esattamente quello che faresti anche gratuitamente.

Vita e lavoro non si distinguono più, anzi scompare il “lavoro” e rimane la “vita”.

"Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua."
Confucio

Alcuni giorni fa ho chiesto a James Altucher, via WhatsApp, la sua personale definizione di Lifestyle Business.

Questa la risposta: “A business you own that pays your bills and gives you a comfortable lifestyle, but won’t grow past that“. Ovvero un’attività che ti consente di provvedere alle spese (letteralmente “pagare i conti/le bollette”) e ti permette un piacevole stile di vita, ma che non cresce oltre.

Non mi convince la parte della crescita necessariamente limitata… Ma aggiungo anche questa alla lista delle definizioni 😉

Alla prossima…

Condividere fa bene alla mente!
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+
Pin on Pinterest
Pinterest
Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *